05 October 2016

MFW day 5: Dsquared2 fashion show


La settimana della moda si conclude per me così, con la sfilata di Dsquared2.



Un video pubblicato da Fabiana Ricciardi (@fabiana_ricciardi) in data:


Per questa collezione primavera/estate 2017, i gemelli Caten, riportano in auge il glamour dei favolosi anni 80 e lo reinterpretano con lo spirito iconoclasta che da sempre li contraddistingue: il classico jeans diventa over e viene tempestato di cristalli e si porta con le t-shirt dalle maniche baloon, e giacche mini d'ispirazione militare, i tubini animalier sono incrostati di jais, la camicia in denim trattata si indossa con ridottissime minigonne ricche di maxi fiocchi e la marsina si trasforma in minidress seducente.
I colori utilizzati sono forti ed irriverenti come un pò la collezione stessa: vedi ad esempio il verde acido, l'oro o il rosa accostati ai classici bianco e nero.
Tra gli accessori Dsquared2 non mancano stivaletti open-toe con maxi fiocchi, grandi orecchini e slingback.

03 October 2016

MFW day 5: Rocco Barocco fashion show



Un video pubblicato da Fabiana Ricciardi (@fabiana_ricciardi) in data:


La sfilata di Rocco Barocco è un tributo a Saffo, poetessa greca musa della collezione. 
Il designer, ispirato da un affresco di Saffo visto durante un viaggio a Pompei, sceglie di raccontare un concetto di moda dalla bellezza senza tempo sostanziata da profondità, riflessività e poesia.
La silhouette scandisce eleganza e raffinatezza lussuosa. Gli abiti in raso, georgette e jersey laminato, sono essenziali e luminosi. Su gonne e pantaloni dai grandi spacchi appaiono plissettature a sorpresa. I cappottini slim e caban sono arricchiti invece da tessuti damascati.
Per lo stilista la seduzione stessa risiede in una ritrovata essenzialità, ornata da ricami e decorazioni che evocano la costruzione dei mosaici pompeiani, interpretati in preziosi tasselli in pelle.
La palette cromatica è caratterizzata per lo più da tonalità pastello quali rosa, giallo, verde, turchese per poi passare all'audacia dell'argento e dell'oro  e per concludere infine con i classici bianco e nero.

MFW day 5: Alberto Zambelli fashion show






Un video pubblicato da Fabiana Ricciardi (@fabiana_ricciardi) in data:


Quinto ed ultimo giorno per me della settimana della moda è iniziato con la sfilata di Alberto Zambelli, che ci conduce nel giardino anglo-cinese di Maria Antonietta in un randevous a Versailles.
Una rilettura della sovrana in un percorso in cui musica, teatro, paesaggio divengono un universo femminile, personale ed intimo in una visione pseudo bucolica.
Le stampe "botanic sensual" accarezzano il corpo, mentre righe bianche e nere creano nuovi grafismi in silhouette over e verticali. Alamari decorativi adornano trench coat e bomber jacket; mentre la maglieria iper lineare incontra la trasparenza di fil coupè. Tecno chiffon e tulle vengono adottati da corsetteria e nastrature che ben si sposano con popeline neri ed abiti grembiule origami. Infine pettorine impreziosite di perle e cristalli creano eleganti e giocosi decolleté e diventano macro-puzzle in sovrapposizioni inusuali. Tra gli accessori,particolare focus viene dato a "carbon look",ovvero una capsule collection di piccola valigeria in carbonioe pelle composta da pochette, 24 ore, zaino e trolley.

MFW day 3: Atsushi Nakashima fashion show



Un video pubblicato da Fabiana Ricciardi (@fabiana_ricciardi) in data:


L'ultima sfilata della terza giornata della settimana della moda è stata quella dello stilista giapponese Atsushi Nakashima, vincitore del concorso internazionale DHL Exported e svoltasi a Palazzo Reale e che prende come tema della propria collezione quella della trasformazione.
DHL Exported è un progetto che nasce nel 2014 dalle competenze di IMG Fashion ed è un iniziativa che consente ai quattro vincitori finali di accrescere la propria notorietà e visibilità all'estero, grazie alla possibilità di sfilare per due stagioni consecutive in una delle quattro piazze più importanti nel mondo della moda: New York, Milano, Londra, Tokyo.
I designer sono inseriti nei calendari ufficiali delle manifestazioni e ricevono finanziamento completo di due sfilate, dalla produzione al trasporto delle collezioni.