11 September 2016

La mia vacanza ad Ibiza, l'isola che non dorme mai


Sapete, c'è tipo una frase che fa più o meno così "la mia pace è quando atterro a Ibiza. Ecco. Sempre." Beh io non sono propriamente d'accordo. Ma quale pace, mi viene da esclamare! 
Quando atterri ad Ibiza l'unica cosa che proprio non trovi più è la pace, o almeno parlo per me. 
Vi racconto, adesso, il perché.
Lo scorso mese, ad Agosto, io ed altre mie due amiche abbiamo deciso di trascorrere cinque giorni proprio ad Ibiza, l'isola delle Baleari dal mare blu cristallino, dai tramonti mozzafiato e che non conosce orari.
Essendo una ragazza fin troppo iperattiva, sopratutto in vacanza, prima ancora di mettere piede sull'isola avevo già fatto una sorta di programma di posti da vedere e cose da fare, che non lasciavano un grande margine di tempo per rilassarsi. Io odio il concetto "relax" in vacanza. Si, lo so che molti di voi non capiranno questo mio strano modo di vedere le cose, ma diciamo che sono più dell'idea che una vacanza va sfruttata fino alla fine e dunque arrivare stremati dopo e dormire 20 ore di fila come ho fatto più o meno io poi. :-P





Volo diretto da Milano e arrivo in serata in quel di Ibiza, neanche il tempo di mettere giù le valigie nell'appartamento prenotato per quei giorni che è subito fiesta!
Ci dirigiamo, infatti, verso un beach club chiamato Blue Marlin con musica, spettacoli e bella gente. 


Qui, l'aperitivo, inizia dal pomeriggio e termina alle due di notte. Io ve lo consiglio se volete fare un pre-serata glamour e vi consiglio anche di andarci auto-muniti, perché l'attesa per un taxi è davvero estenuante vista l'affluenza. Siccome poi, non avevamo ancora cenato quella sera, ci dirigiamo subito dopo il termine della serata lì, verso il porto di Ibiza, che ha il suo perché, sopratutto per la parte chiamata "Dalt Villa", ricca di stradine e scorci suggestivi della città.



Il giorno successivo, seppur avessi dormito solo tre ore, mi sveglio di buon ora già super attiva, tanto che le mie compagne di viaggio avranno pensato di essere partite con un demonio, e vado a fare colazione ancora in "pigiama" per poi dirigermi verso un negozio di autonoleggio per accaparrarmi un auto, in modo tale da essere totalmente indipendenti per tutta la durata della vacanza. 
Un'ora dopo circa eravamo già in auto in direzione spiagge. Ibiza è piena zeppa di calette anche meno conosciute che meritano, sopratutto nella zona circostante Sant'Antonio Portmany.



Una delle più famose ed anche più affollate è forse Cala Comte, che è stata indubbiamente la mia preferita. 



Abbiamo poi fatto stesso in quel giorno una tappa a Cala Bassa, che merita anche questa una visita e perché no, un pranzo con vista mare presso il beach club del posto.




In maniera molto "wild", nel tardo pomeriggio, dovendo raggiungere l'Ushuaia per la serata con il grande David Guetta che terminava allo scoccare della mezzanotte, ci siamo cambiate in macchina per ammortizzare i tempi e goderci appieno la serata. Forse più di tanti altri posti, l'Ushuaia, che è un hotel con grande spazio all'aperto, l'ho classificato come "place to be", quindi andateci se avete l'occasione e non ve ne pentirete.




Al termine di quella serata, non contente, torniamo in hotel, questa volta per sistemarci come dei veri cristiani e siamo poi letteralmente volate al Pacha per il Flower Party. Musica anni 60/70/80, scenografie hippy e una quantità di persone, che se volevi fare una prestazione di ballo un po più carismatica diventavano problemi per lo spazio ridotto. Tornando presso la nostra dimora verso le prime luci del mattino abbiamo fatto la più grande scoperta della vacanza! :-P Una pasticceria dove fare colazione prima di andare a dormire che era davvero una bontà. 



Altro giorno, altra corsa. Playa de ses Salines e Cala D'Hort in mattinata, quest'ultima spiaggia ha dinanzi a sé Es Vedra, una riserva naturale in mezzo al mare. 





Verso il tardo pomeriggio, siccome io letteralmente ho "s-fracassato le balls" perchè sono amante dei tramonti, ci siamo dirette al famoso Cafè Del Mar verso Sant'Antonio Portmany, per attendere quel fatidico momento "when the sun goes down". Dovete sapere che io di fronte agli scenari della natura impazzisco proprio. 


In serata siamo state a cena insieme ad altri amici, anche loro in vacanza sull'isola in quei giorni. Da che doveva essere una serata un pò più "easy", non so come e perché ma sempre le sei del mattino si son fatte!



Siamo state poi a Formentera, che dista da Ibiza in barca circa mezz'ora , giusto per non farci mancare nulla in quei giorni.
Ecco, Formentera è uno di quei posti dove poter dire con certezza di trovare la pace interiore. 









Non ha nulla a che vedere con Ibiza, in  quanto sono due stili di vacanza totalmente differenti. In una hai un mare mozzafiato, aperitivi al tramonto, cene e due discoteche più rinomate, dove poter fare quattro salti. Nell'altra, beh, hai tutto questo e molto altro ancora.

Insomma soddisfatta di com'è andata, adesso mi viene da esclamare: "quindi a quando la prossima?" :-P
Spero che il mio resoconto vi sia piaciuto e intanto vi auguro una buona Domenica. 
xoxo
Faby