21 February 2014

Moschino fashion show A/W14-15


These days, in Milan , is taking place the women's fashion week in which next autumn / winter 2014 collections are presented. For personal problems, unfortunately, I will not be able to attend live at various events going on, although I still keep myself updated daily on the news of the " fashion" world.
I say this because today I want to tell mine about a particular fashion show, that took place yesterday, February 20, 2014 , Moschino.
In a previous post , I had already mentioned about the changes that the brand Moschino brought forward , as well as the acquisition of new creative director Jeremy Scott and his pre-collection already very popular. Now, during the fashion week, the irreverent designer presented his first collection for the brand, in which protagonists are referred to junk food , to cartoons, to pop prints by the lure of consumerism, without missing the iconic elements that reinvent themselves in an ironic adjective that best describes the key leaders on the catwalk .
Let's face it , in fact, most of them , of course, are not suitable to be worn in everyday life , but we must say, he is really a genius ! A simple parade transformed in a real show , in which the trays, which apparently seem to bring the famous Happy Meal of McDonald's, have instead quilted handbags with the distinctive M heart shaped. The accessories are not those commonly seen and used, but rather become drinks and take-away's box from the fast food. Pieces that will surely become a must ? Obviously the cover to the phone and the over-sized red pull with the icon. From the "junk" food, its eclectic mind passed then to "Spongebob" cartoon, which invades backpacks, shoes , overcoats and over-sized pull. Finally, we can see references to pop art at the end of the show with dresses by exaggerated prints as pop -corn , American soups, chips , candy and chocolate .
In short, if his goal was to impress and be talked about , I think he succeeded ! Standing ovation for Jeremy!








In questi giorni, a Milano, sta avendo luogo la settimana della moda donna nella quale vengono presentate le collezioni del prossimo autunno/inverno 2014. Per problemi personali, purtroppo, non riuscirò ad assistere dal vivo ai vari eventi in corso ed in programmazione, anche se continuo a tenermi aggiornata quotidianamente sulle notizie del mondo "fashion". 
Vi dico questo, perché oggi voglio dire la mia su una sfilata in particolare che ha avuto luogo ieri 20 febbraio 2014; ovvero quella di Moschino
In un precedente post, vi avevo già accennato circa i cambiamenti che il brand Moschino aveva portato avanti, nonché dell'acquisizione del nuovo direttore creativo Jeremy Scott  e della sua pre-collezione già molto amata. Adesso, in occasione della fashion week, l'irriverente designer ha presentato la sua prima collezione per il brand, nella quale hanno fatto da padrone riferimenti al junk food, ai cartoons, a stampe pop dal richiamo consumistico, senza far mancare gli elementi iconici che si reinventano in chiave ironica, aggettivo chiave che descrive al meglio i capi presentati in passerella. 
Ammettiamolo, infatti, gran parte di essi, di certo, non sono adatti per essere indossati nella vita comune, però bisogna dirlo, lui è davvero un genio! Una semplice sfilata si trasforma in un vero e proprio show, nel quale vassoi, che in apparenza sembrano portare il famoso Happy Meal del Mc Donald's, presentano invece borse matelassè con l'inconfondibile M  a forma di cuore. Gli accessori non sono quelli comunemente visti ed usati, ma bensì diventano bibite e box take-away da fast food. Pezzi che sicuramente diverranno un must? Ovviamente la cover per cellulare ed il pull over-size in rosso con icona. Dal cibo "spazzatura" la sua mente eclettica s'ispira poi al cartone "Spongebob", che invade zaini, scarpe, piumini e pull over-size. Infine si assiste, nella parte finale dello shhow, ad un richiamo pop art con abiti esagerati e dalle stampe più disparate, come pop-corn, zuppe americane, chips, caramelle e cioccolata. 
Insomma, se il suo obiettivo era quella di stupire e far parlare di se , credo proprio che ci sia riuscito! Bravo Jeremy!









































photo credits: marieclaire.it